La mia Vita nello Yoga nella Vita

Credo che vivere in questo mondo fatto da esseri umani sia molto difficile.

Difficile capire di vivere liberi, assurdi comportamenti, sovrastrutture egoiche distruttive, e auto distruttive, pensieri che frullano il corpo, respiri inutili nella disarmonia del proprio dolore.

Da quando sono piccolo e ho cominciato ad avere la consapevolezza ho cominciato a soffrire per il modo disarmonico degli esseri umani tra di loro, verso la terra, verso Dio, questo mi ha fatto crescere, mi ha fatto distruggere più volte implodendo dentro di me, valutando ogni possibilità di errore da me verso l’esterno, ho passato momenti cosi forti di dolore interno, intanto che gli altri pensassero fossi uno stupido e un idiota, ma il cammino mio continua, continuo a farmi domande a mettere in dubbio chi sono, a mettermi in gioco all’ età di quasi 48 anni, medito e mi faccio una domanda chi sono? Perché di tutta questa sofferenza sulla terra, perché di tutto questo e sono domande che mi sono sempre giunte sin dalla tenera età…

Ho cominciato un percorso di scalare la montagna più alta dell’universo, la vita, a volte Sali e molte volte ti trovi ad aggrapparti a pareti taglienti provocando dolore indicibile, e tra l’altro scalando non vedi mai la vetta e non sai quando arriverai ma dentro di te sai che arriverai, alcune volte ti rannicchi dentro una caverna e stai li aspettando che la bufera passi, tremi nell’oscurità, la paura si diffonde nell’anima ma chiudendo gli occhi vedi una luce che si inonda nel tuo essere tiepida, e senti le voci da fuori di tutti quelli che ti hanno schernito, ti hanno sfruttato, ti hanno creato dolore, ti hanno messo alla gogna ma le senti lontano e poi voci che ti scaldano il cuore vicine, esseri umani meravigliosi tutti intenti a scalare la propria montagna della vita, esci dalla caverna con forze rinnovate e ti accorgi che le persone che ti hanno fatto male sono ancora giù e tentano di gridare per affossarti, tentano di strapparti dalla tua vetta ti giri e te ne vai.

E il dolore ad ogni passo affievolisce perché crei il distacco con la malattia, e a quel punto diventi folle ridi gioisci e la sofferenza dura sempre meno, finché ti accorgi che la vita ha uno scopo quella di essere vissuta a discapito di chi ti vuole trascinare nel baratro.

Non coerente è la mente che ti trascina e ti fa arrancare sempre di più, ti schiavizza in un vortice senza fine, ti prende ti avvolge nelle sue spire, ti strapazza, ti sbatacchia qua e la, ti rende malato, ti fa credere che tu sia malato sofferente, e tutto quello che crede lo produce nel tuo corpo, molto difficile distaccarsi.

Ma quando trovi il distacco tutto si acquieta, le malattie spariscono le sofferenze non sono neppure più un ricordo lontano, ti senti libero e leggero, ascolti ogni profumo come se fosse estasi, nulla solo ora, ogni sensazione di pace viene ampliata dalla mancanza di tempo, tutto è tutto stabile e speciale.

Mi chiedo a volte come mai sento cosi tanto, e più mi chiedo ciò più sento, perché devo sentire, perché devo vedere, non vedo più i visi vedo le loro sofferenze in questo cammino, le angosce, le tribolazioni passate presenti e future, mi distrugge questo, e quando tocco un corpo le mie mani vanno da sole verso il centro della sofferenza, le vibrazioni entrano come pugnalate, tutto entra senza una cernita bene e male ed è qui il punto non fare una cernita ma lasciare senza giudizio ogni cosa senza apprezzamenti cosi lasciare che cadono e vadano via, senza giudizio, senza giudicarsi senza pensiero.

Questo è il mio cammino

Con Amore Gioioso e Folle

Massimiliano Cadenazzi

JIGYASA HAMSA JACOB MASSIMILIANO CADENAZZI Fondatore Shanta Pani School ITALIA Fedele al precetto delle sacre scritture dello Yoga e dei Vedanta, si attiene al metodo Yoga di Patanjali – “lascia fluire, lascia scorrere dentro di te la pratica, rispettando il tuo essere, nessuna forzatura deve esserci, neppure nella tua persona” – è formatore principale di Shanta Pani School. Ha fondato la prima rete di Centri Olistici in Italia che si avvale di operatori qualificati in più campi del Benessere Psicofisico (www.shantapanischool.com). Ha ideato e realizzato, coadiuvato da un gruppo d’insegnanti Yoga e operatori olistici, il primo FREE YOGA FESTIVAL in Italia, che si prefigge anche il compito di raccogliere fondi che vengono devoluti in beneficienza. Ha pubblicato “PENSIERI FOLLI DI UN MAESTRO YOGA” e “DIALOGHI TRA UN MAESTRO E UN VIAGGIATORE”. Ha messo in scena ”PENSO POSITIVO MA NON VUOL DIRE CHE NON CI VEDA” e ”DIO, L’UOMO E LE RELIGIONI”, entrambe piece teatrali interattive. COMPETENZE Ha a suo carico più di 35 anni di esperienza nello Yoga. Ha frequentato gli Ashram di Sivananda e Ananda e molteplici corsi con Manju Jois. Il suo percorso, inoltre, è arricchito da una ricerca continua frequentando scuole di Iyengar Yoga, Ashtanga Vinyasa Yoga, Kundalini Yoga, Raja Yoga. È insegnante certificato YOGA ALLIANCE E-RYT200, RYT500, RCYT, RPYT e YACEP. È insegnante Yoga donne in gravidanza e per bambini secondo il metodo Junghiano, riconosciuto dallo Y.A.N.I. E’ terapeuta in Ayurveda e specializzato nell’utilizzo delle piante officinali È specializzato in tecniche di rilassamento e pratiche decontratturanti, abilitanti per un trattamento terapeutico generale. È istruttore di Pilates Mat. È operatore di Kinesiologia Applicata ed esperto in Trigger Point e Kinesiotaping. Svolge seminari e anima scuole di formazione per vari centri in Italia, presso le sedi in Italia e la Scuola Ananda Ashram di Milano.

Connetti con me