IL VELO DI MAYA

Il condizionamento mentale è provocato da una condizione studiata. Chi crede con parole di essere fuori dal condizionamento, vi è dentro, poiché il velo di Maya si è raddoppiato e offuscato dallo stesso velo. Dio ha donato abbondanza e chi crede o fa credere nell’austerità del proprio essere condanna Dio ad una miserabile morte. La verità è che sei condannato

Leggi Altro

LO YOGA E LA RELIGIONE

Premetto: lo Yoga non è una religione e che la finiscano i religiosi fanatici  di attaccarmi sui social, di inveirmi contro e darmi del Satanista. Spiegazione dello Yoga: Yoga significa Unione. Lo Yoga si distingue per il Metodo Scientifico e non Religioso. Lo Yoga di per se è una Scienza, quindi non tratta la FEDE ma la FIDUCIA nel metodo,

Leggi Altro

LA SACRALITA’ DEGLI ASANA

Un asana è molto di più che ginnastica e movimento fisico, sudore e fatica. Entrare e uscire da un asana è lo spostamento di Brahman, del tutto, è un entrare in connessione con L’universo esterno ed interno. Buttarsi in un asana senza un corretto insegnamento è come fare nulla nel pieno dello sbagliato. L’Asana va ricercata accolta ascoltata respirata e

Leggi Altro

CHI E’ IL MAESTRO YOGA

Il Maestro di Yoga non è Dio sceso in terra, e quei maestri che si credono tali è meglio che scendano dalla pianta e comincino a lavorare su stessi e sul proprio ego. Il lavoro del maestro non è sottomettere gli allievi e creare proseliti ma liberarli, donandogli forza e coraggio, accompagnarli fino ad un certo punto e poi lascarli

Leggi Altro

Pindasana in Sarvangasana

La Posizione prende il nome da Pinda, Embrione. Da Urdvha Padmasana, espirando abbassare le gambe dalla regione dell’inguine. piegandole verso il capo. In questo Asana le ginocchia non toccano il pavimento e la vita ha bisogno di essere alta. sollevata. Il busto, gambe, petto e addome alto si uniscono.  Dopo qualche respiro si può tornare in Urdvha Padmasana e invertire

Leggi Altro

PRANAYAMA (Ashtanga Yoga)

PRANAYAMA Parola composta da Prana e Ayama: Prana (fiato, respiro, vita, energia, forza) Ayama (lunghezza, controllo, espansione). Per  quanto mi riguarda, traduco questa parola seguendo la mia esperienza e il mio sentire. Penso che dare confine al Pranayama con la traduzione ‘respiro controllato’ sia sminuire questa pratica intensa. La mia personale traduzione è la seguente: Prana (energia), Ayama (espansione), quindi

Leggi Altro

Gli otto Rami dello Yoga (ASANA)

Gli otto Rami dello Yoga, ovvero Ashtanga Yoga, parola composta che deriva da Ashta = otto, Anga = ramo, Yoga = unione.Sono i seguenti : Yama: etica, principi universali Niyama: auto-osservazione Asana: posture Pranayama: far entrare l’energia dentro di sè Pratyahara: ritiro dei sensi Dharana: concentrazione Dhyana: meditazione Samadhi: illuminazione, stato di beatitudine e pace Vorrei tenere per ultimi i

Leggi Altro

VAJRASANA e la stimolazione dell’ intestino pigro

VAJRASANA, LA POSIZIONE DEL TUONO La sequenza di Vajrasana con 9 Vinyasa per aiutare l’intestino pigro. È una sequenza da praticare preferibilmente a digiuno, preferibilmente al mattina, dopo aver bevuto un bicchiere d’acqua tiepida con mezzo limone spremuto. Vinyasa 1 Ci sediamo in ginocchio con i glutei appoggiati ai talloni, questi ultimi si aprono di circa trenta gradi mentre gli

Leggi Altro

Halasana – Aratro

La Bhagavad Gita dice che dobbiamo rinunciare ai frutti del lavoro e dedicarli al divino – Ishvara Pranidhana – il riconoscimento, la fama, la ricchezza sono i frutti più difficili cui rinunciare nel nostro mondo. In halasana ariamo il terreno della vita e lo rendiamo fertile ai semi della divina ispirazione. Ariamo la nostra mente, la liberiamo dalle erbacce, dalle

Leggi Altro

Il Vinyasa in Utthita Trikonasana e Parivrtta Trikonasana

Per entrare nella sequenza: Samasthiti inspiro 1° vinyasa—inspiro in samashiti, espirando porto la gamba destra indietro e divarico le gambe (la distanza dovrà essere pari alla lunghezza della propria gamba), braccia aperte parallele al terreno, piedi paralleli tra loro 2° vinyasa—inspiro, chiudo il piede sinistro di 45°, apro il piede destro di 90°, il tallone destro è in linea con

Leggi Altro