VAJRASANA e la stimolazione dell’ intestino pigro

VAJRASANA, LA POSIZIONE DEL TUONO La sequenza di Vajrasana con 9 Vinyasa per aiutare l’intestino pigro. È una sequenza da praticare preferibilmente a digiuno, preferibilmente al mattina, dopo aver bevuto un bicchiere d’acqua tiepida con mezzo limone spremuto. Vinyasa 1 Ci sediamo in ginocchio con i glutei appoggiati ai talloni, questi ultimi si aprono di circa trenta gradi mentre gli

Leggi Altro

Il Vinyasa in Janu Sirsasana

Il Vinyasa di Janu Sirsasana La posizione di partenza non è contata come un Vinyasa , il corpo e la mente sta prendendo atto della posizione, quindi la gamba sinistra è distesa , il tallone sinistro è a martello idem il destro per l’attivazione di mulabanda, la schiena è dritta spalle aperte torace attivo , lo sguardo davanti a noi.

Leggi Altro

Halasana – Aratro

La Bhagavad Gita dice che dobbiamo rinunciare ai frutti del lavoro e dedicarli al divino – Ishvara Pranidhana – il riconoscimento, la fama, la ricchezza sono i frutti più difficili cui rinunciare nel nostro mondo. In halasana ariamo il terreno della vita e lo rendiamo fertile ai semi della divina ispirazione. Ariamo la nostra mente, la liberiamo dalle erbacce, dalle

Leggi Altro

Bharadvajasana

Bharadvajasana Asana dedicata a Bharadvaja, il padre di Drona del Mahabharata. Trad. Iyengar. Seduti a pavimento, piegare le gambe e portare i piedi vicino al gluteo destro, le natiche sono a terra. Ruotare il tronco a sinistra, la mano destra in appoggio sulla coscia sinistra vicino al ginocchio. Infilare la mano destra sotto il ginocchio sinistro, con il palmo a

Leggi Altro

Hanumanasana

Hanumanasana– Posizione di Hanuman. Hanuman “dalle possenti mandibole” è il nome del mitico condottiero dei Vanara, una popolazione di aborigeni dell’India meridionale, abitatori delle foreste, che per il loro strano aspetto e grande timidezza, venivano chiamati “scimmie”. Secondo la leggenda Hanuman, figlio del dio del vento, Vayu e della ninfa Anjana, era dotato di agilità e forza straordinarie ma anche

Leggi Altro

SAMASTITHI

Samastithi, termine che non si traduce soltanto con “posizione della montagna” (tadasana), o come “sull’attenti”, ma si riferisce a tutti gli asana in cui il peso del corpo sia ugualmente distribuito ed esista una simmetria tra i due lati come in Padmasana o Shavasana. Samasthiti è “atto del rimanere nello stesso posto”, parola composta, formata dal sostantivo femminile sthiti, letteralmente

Leggi Altro

Ardha Badda Padma Pashimottanasana – Half Bound Lotus Pose

Ardha Baddha Padma Paschimottanasana Posizione di allungamento dorsale in mezzo loto Ardha significa metà,  Baddha sta per “legato”, “trattenuto” e Padma ė il loto. Paschimottanasana deriva dai termini sanscriti “pashima” che indica “dorso”,”ut” che significa “intenso”, “tan” che sta per “estensione”; “asana” sappiamo significare “posizione”. Paschimottanasana (tradotta anche come “Posizione della pinza”) consiste in una flessione del busto sulle cosce,

Leggi Altro

Parsva Bakasana: Posizione del corvo laterale

Parsva Bakasana (Posizione del Corvo laterale) Da Tadasana piega le ginocchia e scendi verso terra flettendo il busto e lasciando che i glutei si avvicinino ai talloni; porta il peso sugli avampiedi e tieni le ginocchia unite Ora porta in torsione di circa 90° il bacino e le gambe verso destra, facendo perno sugli avampiedi, i palmi delle mani, dita

Leggi Altro

Kakasana

Posizione Kakasana Kakakshi deriva dal nome dell’occhio del corvo che secondo gli indiani, pur essendo uno soltanto, può cambiare di posto e guardare in ogni luogo. Il Chakra attivato è quello del cuore cioè Anahata. Effetti: aiuta a trovare la concentrazione, accrescere l’autostima e a prendere decisioni autonome, migliorando, in sintesi, l’equilibrio psico-fisico; gli effetti sul corpo sono quelli da

Leggi Altro

SIRSASANA

Asana Capovolte Sirsasana – verticale sulla testa Comincia da Balasana (Posizione del bambino) poi portati in posizione quadrupedica. Appoggia i gomiti a terra, distanti tra loro quanto l’ampiezza delle spalle, porta avanti gli avambracci e intreccia le dita delle mani a coppetta, di taglio; lì appoggia la parte anteriore della fontanella, che arriverà perpendicolare a terra, mantenendo neutra la spina

Leggi Altro